Può fallire un ETF? La guida completa

Una delle domande più importanti che ogni investitore si pone almeno una volta nella vita è se esiste il rischio che un ETF possa fallire. La domanda è particolarmente rilevante se si pensa che l’utilizzo degli ETFs sta aumentando sempre più a dismisura tra gli investitori, che allocano grosse quote dei loro risparmi in questi strumenti a gestione passiva.

A ben guardare il report di iShares, a inizio secolo gli investimenti in ETF ammontavano a meno di 100 miliardi di dollari, mentre oggi il patrimonio gestito si attesta a 4.700 miliardi di dollari con un numero di prodotti che aumenta a ritmi vertiginosi. Insomma, gli ETF piacciono. Ma sono anche sicuri?

Crescita nell’uso degli ETF dalla loro nascita ad oggi

Una premessa: che cos’è davvero un ETF?

Per riuscire a capire se un ETF possa fallire, è necessario prima ricordare brevemente che cosa siano questi strumenti finanziari. Un exchange-traded fund (ETF) è un fondo di investimento passivo che si limita a replicare l’andamento di un certo mercato finanziario di riferimento, come ad esempio un intero indice azionario (S&P50, FTSE MIB, ecc). Il suo obiettivo non è quindi quello di garantire degli extra-rendimenti rispetto a quelli del mercato, bensì quello di ottenere una replica della performance che sia il più fedele possibile a quella dell’indice sottostante.

Gli ETF vengono emessi da società di gestione del risparmio specializzate (come iShares, Amundi L&G, Wisdom Tree, ecc.) e operano la loro azione di replica secondo due modalità principali: replica fisica e sintetica. Distingueremo la nostra domanda iniziale sul rischio del fallimento di un ETF in queste due sotto sezioni, perché vedranno delle differenze.

Può fallire un ETF a replica fisica?

Negli ETF a replica fisica (replica totale), le società di gestione del risparmio utilizzano i soldi degli investitori per comprare tutti i titoli delle società presenti nell’indice che viene replicato, con gli stessi pesi percentuali. Questo significa che l’emittente dell’ETF possiede veramente i titoli del mercato da copiare e li deposita presso una banca che certifica l’avvenuto acquisto.

La cosa più importante è che questi titoli costituiscono patrimonio separato rispetto a quello della società emittente. Per questo motivo, qualora l’emittente dovesse fallire i nostri soldi sarebbero al sicuro, perché dietro la quota acquistata esiste un paniere di titoli di cui la banca depositaria garantisce l’esistenza. Insomma, poiché questi titoli non rientrano nel patrimonio dell’emittente, un suo fallimento non comporterebbe una perdita dei nostri soldi.

E se la banca depositaria dei titoli dovesse fallire? In realtà, anche in questo caso non avremmo nulla da temere, poiché questa svolge solo funzione di “custode” dei titoli. Anche in questa fattispecie, in caso di fallimento del depositario, i creditori della banca non potrebbero aggredire il patrimonio depositato e custodito.

In estrema sintesi, un ETF NON può fallire tecnicamente. Quando investiamo in questo strumento di gestione passiva i nostri soldi sono sempre al sicuro.

L’unico malaugurato caso in cui perderemmo tutti i nostri soldi sarebbe se fallissero contemporaneamente tutte le società componenti l’indice che l’ETF sta cerando di replicare. Ad esempio, investendo in un ETF a replica del Dow Jones, dovrebbero fallire tutte e 30 le aziende componenti l’indice. Tuttavia, in questo caso, non sarebbe un vero e proprio fallimento dell’ETF, ma sarebbe un problema del mercato di riferimento.

Metodo a campionamento
ETF a replica fisica

Può fallire un ETF a replica sintetica?

Quando c’è la necessità di replicare mercati di nicchia o altamente illiquidi, non è possibile comprare fisicamente i titoli dell’indice di riferimento (non sarebbe conveniente). L’unico modo per poter ottenere una performance simile a quella del sottostante è quella di utilizzare un ETF a replica sintetica.

Nella replica sintetica, infatti l’emittente dell’ETF non deve comprare i titoli dell’indice da replicare, ma semplicemente sigla un contratto chiamato swap con una controparte. Lo swap prevede che la controparte fornisca al gestore dell’ETF una performance che sia fedele a quella dell’indice da replicare (meno il costo per il servizio), mentre il gestore si impegna a dare alla controparte il rendimento di un certo paniere sostitutivo (o “collaterale”).

La cosa interessante è che il paniere sostitutivo può anche avere niente a che fare con i titoli dell’indice che si vuole replicare, né è in grado di influenzarne le performances. Esso è semplicemente l’oggetto dello scambio nel contratto di swap e viene quindi deciso dalle due parti che siglano il contratto.

La replica sintetica degli ETF
ETF a replica sintetica

Ma questo cosa implica rispetto alla nostra domanda? Un ETF a replica sintetica può fallire? Ebbene, a differenza che con la replica fisica, nella replica sintetica esiste il rischio del fallimento della sopracitata controparte, che potrebbe comportarci delle perdite.

Fortunatamente però, anche in caso di fallimento di tale attore, non perderemmo tutti i nostri soldi, grazie alle normative UCITS. Infatti, la dicitura UCITS è un marchio di garanzia di qualità che ci indica che l’ETF è conforme alle regolamentazioni dell’Unione Europea sulla protezione dei risparmiatori da veicoli di investimento non idonei. In particolare, tale normativa impone un rischio controparte pari al massimo al 10% del capitale complessivo del fondo. Inoltre, di solito un emittente sigla più swap con diverse controparti per abbattere tale rischio.

Insomma, anche in questo caso non esiste un vero e proprio rischio di fallimento totale del nostro ETF e la gran parte dei nostri soldi sarebbe tutelata.

La normativa UCITS ci protegge dal rischio controparte

In sintesi

In conclusione, gli ETF si dimostrano degli strumenti finanziari davvero sicuri nei quali è possibile investire in totale serenità. Come abbiamo visto, se possibile, vanno sempre preferiti quelli a replica fisica, in quanto in questo caso non esiste possibilità di fallimento.

Solo qualora questi siano inesistenti a causa del tipo di mercato da replicare si può pensare di acquistare un ETF a replica sintetica. In questo caso esistono dei rischi maggiori, che non ci tutelano al 100% da un eventuale fallimento della controparte. Fortunatamente, però, la normativa UCITS ci viene in soccorso, imponendo una perdita massima in caso di fallimento al 10% dei nostri investimenti. Insomma, anche in questo caso, un rischio vero e proprio di fallimento totale è scongiurato.

Questo è solo uno dei tanti argomenti fondamentali che ogni investitore dovrebbe conoscere per imparare ad investire in autonomia il proprio denaro. Se sei interessato ad ottenere istruzioni dettagliate su come gestire, creare e proteggere i tuoi soldi, ti consiglio di valutare il corso Piano A, punta di diamante della formazione finanziaria di Filippo Angeloni.

Non esitare a contattarci per prenotare una chiamata strategica qualora avessi bisogno di ulteriori informazioni.

Condividi:

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Caveau Finanziario di Filippo Angeloni

Ecco come puoi accrescere subito gratis la tua Educazione Finanziaria con +5 ore di lezioni in continuo aggiornamento

4,8/5 ⭐⭐⭐⭐⭐
Feedback dei Clienti “Eccezionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Impronta digitale 250D C88F 67D0 53DA 3EB7 3E51 BC44 B5AA 2D36 9162

 

url –> https://www.filippoangeloni.com/public_key.gpg

 

—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

xsFNBGJtDkMBEADw+w6eMmMqM4ee2msrLNNhQvXaUO9jAZYixKUwryreRJPISxLy
cyYrDFtZ9Oywu8aIzyFQm3mQYp+m78z+X0oGWFVjGGsKbTf15aZvBbjaRouUvHJh
uAKIn2+t/F5xmEtQrlX/6ovQexqc/GogcRPY9XZ93P5rltkGPiXlagLR0+5b6Kux
1ukBHSZbKxmpt7ezoQH4haN/UYIq2n9h3VR+qFz9W90pqDfCnI7Tr773oLYg1eYN
8p9GvXTiHt5N3PXJnCCAGa3ECeY6r1SFHmH4H5bksw14omDJD7asTabKOkUgdQuy
B6LRX2RMzQINrC1R4rnLwZMVEoDg0O0idQXCjgIk6ky1zyjTBU4XBDZZ8mBZGlJT
xAzEEDpq0aXNHmjZ51fu30K3tXNkmyurpLFiAyehyft2+6X5vXcdmNHysL4EYRib
PSBIrhxzRSk4la/j4wiuDjfaH4RIuf5l7+O64NxOgH38CmzPqsg1LDOneQlskiwG
cEfo4tFdxPf0rDPXTyhCb7pLQaAmP6DgQiwNYboWvjWeuSVY+lQ2nx2GaUYp2Xei
dGi/mjHwh+wKa2JUbUdOVvzC1+rMKlEy8FxvNfDAacOu4BBcKnVQDDEUzbtSp7Pc
9VfS7B4KsCIPnlzqmdIMrNGZ8FbF2wmGIaXp21XvO9pT2O3ICh84zlddWQARAQAB
zStGaWxpcHBvIEFuZ2Vsb25pIDxpbmZvQGZpbGlwcG9hbmdlbG9uaS5jb20+wsGH
BBMBCAAxFiEEJQ3Ij2fQU9o+tz5RvES1qi02kWIFAmJtDkQCGwMECwkIBwUVCAkK
CwUWAgMBAAAKCRC8RLWqLTaRYqBAD/9KsHn18+7PYkrIkTEeKZWUUVPkgrbt2P8d
W0aMqkY82F3vhsfpxI9J0QPzrQquK5LKbqqDD7XH5c2RfJTyq6Jg+VmKB24ipW0M
hub8UnP692vnLJffoVmjOumO6Pbt4QjTGbD211TBKYDA9ubdT/GrGp+av0WYqe6L
5mCo9aQLD/6NHiClq5HOnsVn2zz3SLURC5cRo+r6qFDuhzrBhJwfhFZq9xJ3bYC2
LRTc4nNPmktvB1cXxoAr7bOWJ7nfjbkESuXejzYEeWOShnfKP4JGoJGf9RF9A/Lx
yWWTbLlLdTJPoaiZsI8R834kBh2JrZxtTQlxzNnw5ubpO0jtDToW4hZqvDnYwGJ+
7FRnQuzAVKtcoCh+9H6qwd1vytSfx66zesymDPiae03WTwLuGg7uHVNX36OcWHQY
7SLEQbHIrevluuIIY7lbvdTL+prRMpkIF2GzIKhnTQBl30yktl+QjttC37aJdTZt
LL6dExI/k+EKMvC3sR6tRt787c3CO7qqh8V657uaLCk79NadTZ3Ax9FWhqma7Gxn
lhJguiol/G50c9nCK2FqQZC7u0xuX7Y2TiQlRMy96gDBxR6OEIxlLyNKPlDnFuhr
djfXgvJS0q1f9edj1c4FBTw8MfhlQxygkzKps1+OaYrky/Ga4CiivI4zPZYz+PtG
riXI9+rRh87BTQRibQ5FARAAmCoVMh2PBQnGy1jw9JOYO3GWrGCJNpzRIA8/lPtC
Q83v7QMleg2nHAqfgvSPmlxzf8OgF/VqDbVGk6G7QIhToVJyW7UUUEMOxowovuNl
0TnbOUFedPMrJ88uViy7H5G/4jt6MIo0D9G54aA8qbdLlyL4FPuurUuuiUK+BVnl
JhgvcpFlOBJFV9X90nBpd/uplNh4ZhfXfTZODsgI9bwDzk5EyQfynJDr28A7fbbe
CCgOeOsKmmoM6hhwPyIdYMmuDiNJfJH4aZPSQWy8UaTw5/PEpHgvZQbwTyHiq8NQ
sj/5l7nKQp/HvpMHwyLlyrJho/jkkwaMJuDYN417u7lUIL67smYIZarGcAuORdo5
Hrg6XJ0WahLSx34p2ML1SiaTL7J8FB6tjEHHBwyOGC7dXt7iqXwE4tUqvJoKjVmo
2weAa2QHPguy9oHtJN62SGjbtuGd42YxlEUn7nIxVxhUHdW68hIpl97heKIMIrRW
j2g/2Ex3XzmtxLU3gGrhKnM3r0EyytxeDPq7eeyEHFsDwAlqbfUtnTg+7z4ygGXN
3rPCRRLKm9O96mtsNL9F0NTeVxXg0K9JtEfJKN9Glai1X40hJTjkg/7vYCteHuQC
ZI/+tehYf9/FPmD+4e5gTc8RAKjriVEM86P67xR9O94R5tUfV2Du8WmoPKVjzfSs
ZckAEQEAAcLBdgQYAQgAIBYhBCUNyI9n0FPaPrc+UbxEtaotNpFiBQJibQ5GAhsM
AAoJELxEtaotNpFiXjAQALxU+Q5KZ5hyBz5oeYF9vUhxx8Y3iQ0HtifXlH9+LC0J
Et35b8AOgQBqXpLwatwXvpbkOrlsw4XH8EIJ5Pj3zz8M429Lwkqn+UxoX8uqCm56
KLzvPZfGXrZOMmZnDA4DR8CHbGjhPhECL6Rc5oJRNxdkXVWHiz/3WQM3g9OAIsv1
fg+dRP7axFgf/pPAZaNlTzNPRHHyIPMBxXcP60BRTM2CNIUzVFMoH59s5wlpOeuA
1SMLWGdaUsGx5i4cjtnPWWFadaVeqd1hWAgQP4Yfjvjue8FVAeO+EArPJ69kdvec
h4lnoteFoLq4EsRELnxbltcvRiOAKoKsrbbm2rRlY/NUQk850zkQc8a/eXrTcPSx
onLXeWN5RpTPS4r3QjJujo63HsssFKpS31h8Xlni6w9C4rS6Ct8lMK6w50qZAmsE
JFNRrlQ0RzdEpdcXPz2PXwh4031ol5cWXJXmzZ/KaLib821hehCioy3pl1oh9AUj
6Ry7PyQ7tuMMLOvfJK5rWH/vWyCxW4OYqBJrpHwrDIyPa8dH7TW8DdqZy+qrO+u6
liGgWdoeRBQSXMRk8G54nOzK/xyH2VhuWNZc3W6fx8UQg3H0I1Ee7uUtlPaH8+Lv
Ex7QcN0xZ61kAerEVIykkg9a+ZfHevmBR+69Za7LgVqk7yTevkRA3zp5jhA8rHKf
=p9Uk
—–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

Complimenti! 🚀

Ti è arrivata un’email di conferma .
Vai subito a leggerla!
(controlla casella spam e promozioni se non la trovi)

Ricevi informazioni

Il corso che stai cercando attualmente non è disponibile.
Compila il form per ricevere informazioni in anteprima e scoprire le offerte a te riservate

Ricevi informazioni

Il corso che stai cercando attualmente non è disponibile.
Compila il form per ricevere informazioni in anteprima e scoprire le offerte a te riservate