Il multiplo PEG: come utilizzarlo insieme al P/E.

I gestori di fondi e gli analisti a volte mettono a confronto il P/E (price earning ratio) con il tasso di crescita atteso degli utili ( il denominatore del Peg Ratio) al fine di individuare titoli sopravvalutati o sottovalutati.

Come ti ho spiegato nel articolo sul multiplo price earning, Il P/E come multiplo è stra-abusato, ed in realtà… preso in solitaria serve a ben poco anche perché un alto livello di p/e può voler dire ad esempio sia sopravvalutazione, che buona/ottima crescita futura della società.

Ma poiché il P/E non riflette la crescita futura dei guadagni, è sempre meglio comparare il P/E al PEG (o almeno alla crescita degli utili in un dato arco temporale)…per fare un rapido check e per vedere se la valutazione del mercato è supportata effettivamente dai futuri tassi di crescita dei guadagni

Il PEG nasce proprio per superare alcune imperfezioni dell p/e…

è stato creato a tutti gli effetti per aggiustare il p/e ratio con i futuri tassi di crescita dei guadagni di diverse aziende.

Tendenzialmente un basso PEG sotto all’1 può indicare sottovalutazione per un titolo azionario.

PEG è l’acronimo di Price earning to growth

la G di PEG sta infatti per Growth

Come calcolare il PEG

Il PEG è definito dal P/E diviso il tasso di crescita atteso degli utili per azione:

PEG = (P/E) / tasso di crescita atteso

Al numeratore troviamo quindi il P/E, che a sua volta è il rapporto tra prezzo dell’azione e utili per azione.

al denominatore troviamo il tasso di crescita atteso. Puoi anche pensarla come una crescita annuale dei guadagni prevista. Solitamente al denominatore viene posta la stima di crescita dell’EBITDA a 3-5 anni (5-Year EBITDA growth rate)

Per esempio se un’impresa ha un P/E pari a 20 e un tasso di crescita atteso pari al 10%, allora il suo PEG è pari a 2.

PEG = 20/10 –> 2

E’ necessario che il tasso di crescita che si utilizza sia quello atteso sugli utili per azione o sul risultato totale, piuttosto che operativo, perché si tratta di un multiplo del capitale netto.

Date le diverse tipologie di P/E (trailing, forward, ecc..) quale è la più adatta al calcolo del PEG? la risposta dipende da come si calcola il tasso di crescita atteso.

se si utilizzano gli utili trailing, invece si andrà chiaramente ad utilizzare il P/E trailing.

N.B. il P/E forward non dovrebbe mai essere utilizzato in questo calcolo, dal momento che potrebbe comportare un doppio conteggio della crescita.

Nel calcolare il PEG, la stima della crescita dell’utile per azione nei cinque anni successivi è adottata insieme al valore attuale del P/E.

Se un’impresa presenta un utile per azione negativo oppure non ne è stato stimato il tasso di crescita atteso, il PEG non può essere calcolato.

Quando si effettua l’analisi di un impresa tecnologica, spesso di ricorre al PEG

N.B. il PEG di una determinata azione può variare e di molto in base alle stime sulla crescita degli utili. Può variare sia in base a diversi tassi di crescita proposti da diversi analisti…e può variare (succede spesso così) se un’analista lo calcola con un arco temporale di un anno ed un altro lo calcola con un’altro arco temporale. Chiaramente se cambia l’importo al denominatore il risultato cambia.

Oltre a calcolare manualmente il peg lo possiamo trovare anche in website finanziari. Lo stesso Yahoo finance lo mette a disposizione

Stessa storia per Morningstar

Le fasi del calcolo

  1. si deve determinare il prezzo attuale di mercato di una azione dell’azienda (compito molto facile)
  2. determinare i guadagni per azione EPS, e stabilire quali utilizzare (es trailing, forward come detto meglio utilizzare i trailing)
  3. arrivare al P/E , prezzo/ eps
  4. determinare la crescita prevista nei guadagni per azione dell’azienda (meglio utilizzare una previsione fatta da analisti competenti, e di lungo periodo sopra i 2 anni)
  5. dividere il p/e per il tasso di crescita degli utili.

Vantaggi del PEG

Il PEG fornisce un modo molto semplice per valutare una società insieme al P/E

  • Se il P/E è più basso rispetto al Growth allora probabilmente il titolo è sottovalutato –> peg minore di 1
  • Se il P/E è più alto rispetto al Growth allora probabilmente il titolo è sopravvalutato –> peg maggiore di 1
  • Se il P/E è = al Growth, allora molto probabilmente il mercato sta valutando correttamente il prezzo del titolo. –> peg = 1

Un PEG negativo (sotto lo 0) non sempre è da scartare, bisogna solo sapere se ad essere negativo è il numeratore (il P/E e allora significa che la società ora non fa utili, ma le stime dicono che gli utili in futuro ci saranno) oppure il denominatore (allora ad essere negativo è la crescita attesa e quindi è un fattore negativo).

Esempio di utilizzo con p/e

Proviamo a valutare due aziende dello stesso settore. L’azienda “a” ha un p/e di 18, mentre l’azienda “b” ha un p/e di 22. Se ci limitassimo a vedere il p/e, sembrerebbe che l’azione “a” è sottovalutata rispetto all’azione “B”.

Proviamo però a tenere in considerazione anche il PEG

l’azione “A” ha un tasso di crescita atteso degli utili per i prossimi 5 anni del 12%, l’azione “B” ha un tasso di crescita atteso degli utili per i prossimi 5 anni del 16%.

Se calcoliamo il PEG troviamo che:

  • PEG di “A” = 1.5
  • PEG di “B” = 1.38

Considerando anche il PEG, la seconda azienda diventa invece più sottovalutata rispetto alla prima. Entrambe in realtà potrebbero essere sopravvalutate, ma tra di loro la seconda è la più sottovalutata.

Chiaramente non è sufficiente il solo Peg a capire se la società in esame sia sopravvalutata o sottovalutata. E’ necessario che l’analista finanziario sfrutti a pieno tutti gli strumenti dell’analisi fondamentale e conduca un’analisi più approfondita del bilancio.

Limiti del PEG

  • Le aziende ad alto rischio navigano a PEG ratio più bassi delle aziende a basso rischio, a parità di tassi di crescita.
  • Il principale problema del PEG è dato dal fatto che al denominatore (il tasso di crescita atteso) abbiamo una stima, che quindi può essere corretta o meno.
  • Le aziende in forte crescita commerciano a PEG ratio più bassi paragonati a quelle con media o bassa crescita.
  • Le aziende che investono meno in progetti di alta qualità e con alti tassi di reinvestimento dimostrano PEG ratio più alti.
  • Il PEG ratio è sensibile al tasso di interesse. Una diminuzione (o aumento) dei tassi di interesse comporta meno (o più) azioni ordinarie che sembrano essere sottovalutate.
  • Mentre l’azienda matura, il PEG ratio sarà influenzato dal rischio di cambiamento, dai dividendi e dal tipo di reinvestimento dell’azienda.
  • Il PEG ratio di aziende paragonabili sarà influenzato dalla composizione dell’azienda (cioè, business mix, rischio e profili di crescita).
  • Le aziende che pagano dividendi significativi richiedono un derivato del PEG ratio, il PEGY ratio = PE/(Crescita Annuale Proiettata dei Guadagni + Rendimento del Dividendo).
  • Nei settori in cui le azioni ordinarie sono stimate su fattori diversi dai guadagni (ad esempio, le aziende basate sugli asset), il P/E ratio non è accurato nel riflettere i tassi di crescita.
  • Infine, intrinsecamente, non esiste una base fondamentale per concludere che le azioni ordinarie di un’azienda sono sottovalutate o sopravvalutate, basandosi solamente sul PEG ratio.

Condividi:

Condividi:

Il Caveau Finanziario di Filippo Angeloni

Ecco come puoi accrescere subito gratis la tua Educazione Finanziaria con +5 ore di lezioni in continuo aggiornamento

4,8/5 ⭐⭐⭐⭐⭐
Feedback dei Clienti “Eccezionale

2 risposte

  1. Buongiorno Signor Angeloni,
    Scrivi articoli veramente interessanti riguardo alla cultura finanziaria indipendente,
    ovviamente non c’è da essere d’accordo o meno, perché quanto scritto sono verità
    lapalissiane, tuttavia considerando i molti limiti che il PEG ha in essere, una misurazione più appropriata
    di sopravvalutazione/sottovalutazione di un titolo non si avrebbe con il rapporto Prezzo/Valore Intrinseco (ovviamente considerando un margine di sicurezza adeguato al grado di difficoltà nel calcolare il Fair Value(Valore Intrinseco). Esempio Price/Fair value 1,00 con grado di difficoltà medio….. margine di errore 25%
    Sotto lo 0,75 la prendi a sconto e fino a 0,85 cmq a prezzo ragionevole.
    Grazie per tutto
    Buon Lavoro, alla prossima
    Alberto Mignini

  2. Buongiorno Signor Angeloni,
    Cosa mi dici ad esempio del titolo ISRG (Intuitive Surgical), gli analisti lo vedono
    con un vantaggio competitivo importante (Wide) fonte Morningstar, ottimi fondamentali di Bilancio
    (Conto Economico, Stato Patrimoniale, Flussi di cassa) ma ha un prezzo/valore intrinseco oggi giorno di
    1,78 sempre fonte Morningstar… Su Yahoo Finance mi trovo un P/E di 72,14 e un PEG di 18,47 io, pensavo di aver visto triplo:)
    🙂 cioè nonostante i notevoli numeri di Bilancio(dati quantitativi che si riferiscono al passato societario), il vantaggio competitivo importante e il settore di qualità in cui si trova ad operare (Considerazioni qualitative e prospettiche) come fa ad avere un PEG così alto? Di fatto non prevedono più crescita degli Utili, non solo il prezzo è caro ma secondo gli analisti non prevedono nemmeno crescita degli Utili. Caso davvero interessante .
    Confido nel suo grande sapere,
    nella speranza di poter risolvere il rebus
    ti (ti do del tu, visto che hai meno della mia età) distinti saluti
    Alberto Mignini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Impronta digitale 250D C88F 67D0 53DA 3EB7 3E51 BC44 B5AA 2D36 9162

 

url –> https://www.filippoangeloni.com/public_key.gpg

 

—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

xsFNBGJtDkMBEADw+w6eMmMqM4ee2msrLNNhQvXaUO9jAZYixKUwryreRJPISxLy
cyYrDFtZ9Oywu8aIzyFQm3mQYp+m78z+X0oGWFVjGGsKbTf15aZvBbjaRouUvHJh
uAKIn2+t/F5xmEtQrlX/6ovQexqc/GogcRPY9XZ93P5rltkGPiXlagLR0+5b6Kux
1ukBHSZbKxmpt7ezoQH4haN/UYIq2n9h3VR+qFz9W90pqDfCnI7Tr773oLYg1eYN
8p9GvXTiHt5N3PXJnCCAGa3ECeY6r1SFHmH4H5bksw14omDJD7asTabKOkUgdQuy
B6LRX2RMzQINrC1R4rnLwZMVEoDg0O0idQXCjgIk6ky1zyjTBU4XBDZZ8mBZGlJT
xAzEEDpq0aXNHmjZ51fu30K3tXNkmyurpLFiAyehyft2+6X5vXcdmNHysL4EYRib
PSBIrhxzRSk4la/j4wiuDjfaH4RIuf5l7+O64NxOgH38CmzPqsg1LDOneQlskiwG
cEfo4tFdxPf0rDPXTyhCb7pLQaAmP6DgQiwNYboWvjWeuSVY+lQ2nx2GaUYp2Xei
dGi/mjHwh+wKa2JUbUdOVvzC1+rMKlEy8FxvNfDAacOu4BBcKnVQDDEUzbtSp7Pc
9VfS7B4KsCIPnlzqmdIMrNGZ8FbF2wmGIaXp21XvO9pT2O3ICh84zlddWQARAQAB
zStGaWxpcHBvIEFuZ2Vsb25pIDxpbmZvQGZpbGlwcG9hbmdlbG9uaS5jb20+wsGH
BBMBCAAxFiEEJQ3Ij2fQU9o+tz5RvES1qi02kWIFAmJtDkQCGwMECwkIBwUVCAkK
CwUWAgMBAAAKCRC8RLWqLTaRYqBAD/9KsHn18+7PYkrIkTEeKZWUUVPkgrbt2P8d
W0aMqkY82F3vhsfpxI9J0QPzrQquK5LKbqqDD7XH5c2RfJTyq6Jg+VmKB24ipW0M
hub8UnP692vnLJffoVmjOumO6Pbt4QjTGbD211TBKYDA9ubdT/GrGp+av0WYqe6L
5mCo9aQLD/6NHiClq5HOnsVn2zz3SLURC5cRo+r6qFDuhzrBhJwfhFZq9xJ3bYC2
LRTc4nNPmktvB1cXxoAr7bOWJ7nfjbkESuXejzYEeWOShnfKP4JGoJGf9RF9A/Lx
yWWTbLlLdTJPoaiZsI8R834kBh2JrZxtTQlxzNnw5ubpO0jtDToW4hZqvDnYwGJ+
7FRnQuzAVKtcoCh+9H6qwd1vytSfx66zesymDPiae03WTwLuGg7uHVNX36OcWHQY
7SLEQbHIrevluuIIY7lbvdTL+prRMpkIF2GzIKhnTQBl30yktl+QjttC37aJdTZt
LL6dExI/k+EKMvC3sR6tRt787c3CO7qqh8V657uaLCk79NadTZ3Ax9FWhqma7Gxn
lhJguiol/G50c9nCK2FqQZC7u0xuX7Y2TiQlRMy96gDBxR6OEIxlLyNKPlDnFuhr
djfXgvJS0q1f9edj1c4FBTw8MfhlQxygkzKps1+OaYrky/Ga4CiivI4zPZYz+PtG
riXI9+rRh87BTQRibQ5FARAAmCoVMh2PBQnGy1jw9JOYO3GWrGCJNpzRIA8/lPtC
Q83v7QMleg2nHAqfgvSPmlxzf8OgF/VqDbVGk6G7QIhToVJyW7UUUEMOxowovuNl
0TnbOUFedPMrJ88uViy7H5G/4jt6MIo0D9G54aA8qbdLlyL4FPuurUuuiUK+BVnl
JhgvcpFlOBJFV9X90nBpd/uplNh4ZhfXfTZODsgI9bwDzk5EyQfynJDr28A7fbbe
CCgOeOsKmmoM6hhwPyIdYMmuDiNJfJH4aZPSQWy8UaTw5/PEpHgvZQbwTyHiq8NQ
sj/5l7nKQp/HvpMHwyLlyrJho/jkkwaMJuDYN417u7lUIL67smYIZarGcAuORdo5
Hrg6XJ0WahLSx34p2ML1SiaTL7J8FB6tjEHHBwyOGC7dXt7iqXwE4tUqvJoKjVmo
2weAa2QHPguy9oHtJN62SGjbtuGd42YxlEUn7nIxVxhUHdW68hIpl97heKIMIrRW
j2g/2Ex3XzmtxLU3gGrhKnM3r0EyytxeDPq7eeyEHFsDwAlqbfUtnTg+7z4ygGXN
3rPCRRLKm9O96mtsNL9F0NTeVxXg0K9JtEfJKN9Glai1X40hJTjkg/7vYCteHuQC
ZI/+tehYf9/FPmD+4e5gTc8RAKjriVEM86P67xR9O94R5tUfV2Du8WmoPKVjzfSs
ZckAEQEAAcLBdgQYAQgAIBYhBCUNyI9n0FPaPrc+UbxEtaotNpFiBQJibQ5GAhsM
AAoJELxEtaotNpFiXjAQALxU+Q5KZ5hyBz5oeYF9vUhxx8Y3iQ0HtifXlH9+LC0J
Et35b8AOgQBqXpLwatwXvpbkOrlsw4XH8EIJ5Pj3zz8M429Lwkqn+UxoX8uqCm56
KLzvPZfGXrZOMmZnDA4DR8CHbGjhPhECL6Rc5oJRNxdkXVWHiz/3WQM3g9OAIsv1
fg+dRP7axFgf/pPAZaNlTzNPRHHyIPMBxXcP60BRTM2CNIUzVFMoH59s5wlpOeuA
1SMLWGdaUsGx5i4cjtnPWWFadaVeqd1hWAgQP4Yfjvjue8FVAeO+EArPJ69kdvec
h4lnoteFoLq4EsRELnxbltcvRiOAKoKsrbbm2rRlY/NUQk850zkQc8a/eXrTcPSx
onLXeWN5RpTPS4r3QjJujo63HsssFKpS31h8Xlni6w9C4rS6Ct8lMK6w50qZAmsE
JFNRrlQ0RzdEpdcXPz2PXwh4031ol5cWXJXmzZ/KaLib821hehCioy3pl1oh9AUj
6Ry7PyQ7tuMMLOvfJK5rWH/vWyCxW4OYqBJrpHwrDIyPa8dH7TW8DdqZy+qrO+u6
liGgWdoeRBQSXMRk8G54nOzK/xyH2VhuWNZc3W6fx8UQg3H0I1Ee7uUtlPaH8+Lv
Ex7QcN0xZ61kAerEVIykkg9a+ZfHevmBR+69Za7LgVqk7yTevkRA3zp5jhA8rHKf
=p9Uk
—–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

Complimenti! 🚀

Ti è arrivata un’email di conferma .
Vai subito a leggerla!
(controlla casella spam e promozioni se non la trovi)

Ricevi informazioni

Il corso che stai cercando attualmente non è disponibile.
Compila il form per ricevere informazioni in anteprima e scoprire le offerte a te riservate

Ricevi informazioni

Il corso che stai cercando attualmente non è disponibile.
Compila il form per ricevere informazioni in anteprima e scoprire le offerte a te riservate