La doppia tassazione sui dividendi si può evitare?

Un problema che tormenta spesso gli investitori è quello della doppia tassazione sui dividendi, che affligge soprattutto coloro che cercano di vivere di vendita con i dividendi. In questo articolo proviamo a rispondere ad una semplice domanda: la doppia tassazione sui dividendi si può evitare?

Prima di iniziare faremo un breve riassunto per capire cos’è la doppia tassazione sui dividendi e perché esiste. Cercheremo di sviscerare il quadro normativo italiano per vedere se una via d’uscita esiste oppure no.

Premessa – Le tipologie di reddito

Quando investiamo i nostri capitali in borsa, i guadagni che generiamo possono entrare a far parte di due diverse categorie: i redditi diversi e i redditi da capitale. Approfondiamone le caratteristiche principali, perché ci aiuteranno a inquadrare i dividendi secondo la legge italiana.

Redditi diversi

Sono detti redditi diversi di natura finanziaria, quei redditi che producono plusvalenze o minusvalenze in relazione ad eventi incerti. In particolare, rientrano in questa categoria:

  • Plusvalenze e altri proventi realizzati a titolo oneroso di strumenti finanziari come azioni, ETC, Certificates, rimborso di obbligazioni.
  • cessione di contratti a termine
  • cessione a termine di valute estere

Facciamo un esempio semplicissimo per capire. Acquistiamo una azione Amazon a 2000$ e la rivediamo dopo un po’ di tempo a 3000$. Il guadagno di 1000$ si chiama “plusvalenza” (o capital gain) e rientra nella categoria dei redditi diversi.

Plusvalenza – Redditi diversi

Naturalmente i redditi diversi possono assumere anche segno negativo. In questo caso vengono chiamate minusvalenze e possono essere compensate con successive plusvalenze. Queste minusvalenze restano disponibili come “credito” per i 4 anni successivi dal momento in cui la minusvalenza viene conteggiata.

Ad esempio, acquistiamo Amazon a 3400$ e la rivediamo a 3000$. I 400$ di differenza costituiscono una minusvalenza, che può essere sfruttata per abbassare il carico fiscale complessivo sulle plusvalenze che otterrò in futuro. Se vuoi approfondire questo aspetto, leggi questo articolo di Filippo.

I redditi da capitale

I redditi da capitale sono tutti quelli derivanti dall’impiego di capitale i quali, passivamente, danno diritto a una prestazione certa, come ad esempio dividendi azionari o cedole obbligazionarie. La certezza non deriva dalla conoscenza a priori dell’ammontare della cedola o dividendo, ma dal fatto che il diritto sia implicito nello strumento che si acquista.

Ad esempio, il dividendo di un titolo azionario, per quanto incerto e variabile, è comunque un diritto intrinseco del possessore di quel titolo. I redditi di capitale possono essere solo positivi e non possono essere compensati con altre minusvalenze.

Il mio canale Telegram Privato

Ricevi facilmente i prossimi articoli con approfondimenti

in esclusiva per i membri

Il problema della doppia tassazione sui dividendi

La prima informazione rilevante che abbiamo appreso finora, è che i dividendi rientrano tra i redditi da capitale. Ma come vengono tassati questi tipi di redditi?

Quando una società in cui abbiamo investito eroga un dividendo, le autorità fiscali del Paese presso cui essa ha sede legale trattengono una imposta. Proprio per questo motivo, questa tassa viene detta “ritenuta alla fonte“, perché avviene a monte, prima ancora che il dividendo ci venga consegnato.

Ecco allora che se investiamo in aziende italiane, quando riceviamo il dividendo, il Fisco tratterrà alla fonte la tassa che dobbiamo pagare e la vicenda si conclude. In particolare, gli articoli 44 e 45 del DPR n 917/86 impongono una tassazione del 26% sui dividendi percepiti da soggetti privati.

Questo significa che se possediamo solo azioni Enel e dobbiamo ricevere un dividendo annuale teorico di 100€, avremo una imposizione di 26€, che verranno trattenuti alla fonte e non ci verranno consegnati. Il nostro dividendo annuale effettivo sarà di 100-26=84€.

Che cosa succede però se investiamo anche in aziende con sede legale estera? Ad esempio, se avessimo azioni Coca-Cola nel nostro portafoglio, quanto pagheremmo di tasse sui dividendi?

Ecco qui la faccenda si complicherebbe perché avremmo una doppia imposizione fiscale. Infatti;

  • Innanzitutto, il governo americano tratterrà una imposta alla fonte.
  • Successivamente, quello che rimane sarà ulteriormente soggetto a tassazione del fisco italiano (sempre al 26%), perché noi non abbiamo residenza fiscale americana.

Abbiamo fatto un esempio con Coca-Cola che ha sede fiscale in America, ma il discorso vale per ogni Paese estero del pianeta. In particolare, la ritenuta alla fonte ha una aliquota che varia a seconda del Paese in questione. Ti lascio una tabella con le principali nazioni, in modo che tu possa farti una idea.

Ritenuta alla fonte

Unisciti a oltre 4000 investitori

Ogni lunedì selezioniamo e analizziamo per te le migliori informazioni dei mercati tradizionali e crypto, gratis!

Un esempio pratico

Se comprassimo una azione Svizzera, dovremmo pagare prima il 35% di ritenuta alla fonte e poi il 26% sul rimanente. Il risultato è che il nostro dividendo finale sarebbe tassato al 51,9%. Questo ci fa capire subito che se abbiamo capitali elevati e il nostro obiettivo è quello di costruire un portafoglio di società dall’alto dividendo per vivere di rendita, dobbiamo evitare questi Paesi dalla forte ritenuta fiscale.

Con le aziende americane alla fine si ottiene una tassa del 37% sui dividendi, mentre su alcuni Paesi non si paga la tassa alla fonte, come UK e Australia.

Presta sempre attenzione alla sede fiscale del titolo

La doppia tassazione sui dividendi si può evitare?

Ora che abbiamo chiarito il contesto, possiamo rispondere finalmente alla domanda che ci eravamo posti all’inizio: la doppia tassazione sui dividendi si può evitare?
Sì, è possibile evitarla, tuttavia la procedura è lunga e costosa, e questo è il motivo per cui quasi nessuno la segue.

Esistono infatti degli accordi tra Italia e alcuni stati che permettono di chiedere una sorta di rimborso. In particolare si recupera la differenza tra le ritenute sui dividendi applicate nello Stato estero di residenza della società distribuente e la minore aliquota eventualmente prevista dalle convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni.

Burocraticamente si procede in questo modo:

  • Bisogna presentare domanda all’amministrazione finanziaria estera competente, su moduli appositamente predisposti.
  • Si allegano certificazione di residenza fiscale rilasciata dall’Agenzia delle entrate e la contabile della propria banca in cui si evidenzia la ritenuta alla fonte applicata all’estero.

Il problema però non è tanto l’iter da seguire, che comunque richiede tempo, ma che non rappresenta un ostacolo estremo. Il problema sono i costi.

Infatti, solitamente ci sono dei costi medi dell’ordine del 20% sul recuperato, con una base minima di 2500€ [Fonte]. Insomma, una procedura del genere inizia ad avere senso quando si possiedono dividendi davvero sostanziosi, da 10mila€/anno in su.

La doppia tassazione sui dividendi si può evitare

In sintesi

In questo articolo abbiamo quindi capito che la doppia tassazione sui dividendi si può effettivamente evitare. Il problema è che la procedura è talmente costosa e articolata, da renderla adeguata solo ad investitori professionisti o privati con portafogli azionari molto grandi.

Impara ad investire in ETF

Risparmia sui costi di gestione e massimizza i rendimenti

Condividi:

Condividi:

Il Caveau Finanziario di Filippo Angeloni

Ecco come puoi accrescere subito gratis la tua Educazione Finanziaria con +5 ore di lezioni in continuo aggiornamento

4,8/5 ⭐⭐⭐⭐⭐
Feedback dei Clienti “Eccezionale

3 risposte

  1. Una gran bella spiegazione, chiara e comprensibile e con la doppia tassazione, da poter evitare, “preda”, però, della solita “burocrazia”. Io sono rimasto “incartato” con il dividendo di Stellantis,
    società risultata in Olanda come residenza fiscale.
    Ma, nel dividendo 2021, Euro 0,32, la doppia tassazione non compariva. Forse, perchè la residenza era ancora in Italia?
    E, perchè nell’assemblea in cui si è deciso per un dividendo di Euro 1,04, riscosso lo scorso 29 aprile, nessuno ha fatto presente che ci sarebbe stata una doppia tassazione? Il 26% italiano e il 15% olandese?
    Ho sempre saputo che c’è la doppia tassazione. Per questo motivo ho “sbolognato” le Volks Wagen. Ma, ora, prima di investire, bisogna assicurarsi anche dell’eventuale residenza fiscale della società? E se la stessa la cambia, dove troviamo, “in orario”, che ciò è accaduto, in modo da non “foraggiare” di due ritenute due stati diversi?
    Complimenti per le vostre spiegazioni e grazie per aver permesso queste mie considerazioni.
    Con i migliori saluti A.S.

  2. Ho letto con interesse la lettera di Antonio Seeber e mi trovo nelle stesse condizioni anche se le mie azioni Stellantis sono ex FIAT, ex FCA e attualmente Stellantis, quindi non acquistate all’estero come da esempi sopra descritti bene. Inoltre le banche avrebbero dovuto informare i risparmiatori della doppia tassazione e perchè non era stata applicata anche nel 2021.
    Mi interesserebbe una risposta.
    Grazie e saluti C.A.

  3. Il mio commento è questo: se esiste un accordo di rimborso tra due paesi esempio Italia/Svizzera per quale motivo non si applica alla fonte il 15% su un capitale frutto di dividendi? Un povero cristo investitore per recuperare il 20% trattenuto in più (35% stato Svizzera) deve fare i salti mortali tra banca e agenzia delle entrate. Ora, come ho letto prima, per piccole somme neanche conviene darsi da fare, intanto si regalano cospicue somme allo stato svizzero facendo perdere all’Italia cospicue somme di denaro. Vorrei capire dove sta’ la strategia di questo accordo. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Impronta digitale 250D C88F 67D0 53DA 3EB7 3E51 BC44 B5AA 2D36 9162

 

url –> https://www.filippoangeloni.com/public_key.gpg

 

—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

xsFNBGJtDkMBEADw+w6eMmMqM4ee2msrLNNhQvXaUO9jAZYixKUwryreRJPISxLy
cyYrDFtZ9Oywu8aIzyFQm3mQYp+m78z+X0oGWFVjGGsKbTf15aZvBbjaRouUvHJh
uAKIn2+t/F5xmEtQrlX/6ovQexqc/GogcRPY9XZ93P5rltkGPiXlagLR0+5b6Kux
1ukBHSZbKxmpt7ezoQH4haN/UYIq2n9h3VR+qFz9W90pqDfCnI7Tr773oLYg1eYN
8p9GvXTiHt5N3PXJnCCAGa3ECeY6r1SFHmH4H5bksw14omDJD7asTabKOkUgdQuy
B6LRX2RMzQINrC1R4rnLwZMVEoDg0O0idQXCjgIk6ky1zyjTBU4XBDZZ8mBZGlJT
xAzEEDpq0aXNHmjZ51fu30K3tXNkmyurpLFiAyehyft2+6X5vXcdmNHysL4EYRib
PSBIrhxzRSk4la/j4wiuDjfaH4RIuf5l7+O64NxOgH38CmzPqsg1LDOneQlskiwG
cEfo4tFdxPf0rDPXTyhCb7pLQaAmP6DgQiwNYboWvjWeuSVY+lQ2nx2GaUYp2Xei
dGi/mjHwh+wKa2JUbUdOVvzC1+rMKlEy8FxvNfDAacOu4BBcKnVQDDEUzbtSp7Pc
9VfS7B4KsCIPnlzqmdIMrNGZ8FbF2wmGIaXp21XvO9pT2O3ICh84zlddWQARAQAB
zStGaWxpcHBvIEFuZ2Vsb25pIDxpbmZvQGZpbGlwcG9hbmdlbG9uaS5jb20+wsGH
BBMBCAAxFiEEJQ3Ij2fQU9o+tz5RvES1qi02kWIFAmJtDkQCGwMECwkIBwUVCAkK
CwUWAgMBAAAKCRC8RLWqLTaRYqBAD/9KsHn18+7PYkrIkTEeKZWUUVPkgrbt2P8d
W0aMqkY82F3vhsfpxI9J0QPzrQquK5LKbqqDD7XH5c2RfJTyq6Jg+VmKB24ipW0M
hub8UnP692vnLJffoVmjOumO6Pbt4QjTGbD211TBKYDA9ubdT/GrGp+av0WYqe6L
5mCo9aQLD/6NHiClq5HOnsVn2zz3SLURC5cRo+r6qFDuhzrBhJwfhFZq9xJ3bYC2
LRTc4nNPmktvB1cXxoAr7bOWJ7nfjbkESuXejzYEeWOShnfKP4JGoJGf9RF9A/Lx
yWWTbLlLdTJPoaiZsI8R834kBh2JrZxtTQlxzNnw5ubpO0jtDToW4hZqvDnYwGJ+
7FRnQuzAVKtcoCh+9H6qwd1vytSfx66zesymDPiae03WTwLuGg7uHVNX36OcWHQY
7SLEQbHIrevluuIIY7lbvdTL+prRMpkIF2GzIKhnTQBl30yktl+QjttC37aJdTZt
LL6dExI/k+EKMvC3sR6tRt787c3CO7qqh8V657uaLCk79NadTZ3Ax9FWhqma7Gxn
lhJguiol/G50c9nCK2FqQZC7u0xuX7Y2TiQlRMy96gDBxR6OEIxlLyNKPlDnFuhr
djfXgvJS0q1f9edj1c4FBTw8MfhlQxygkzKps1+OaYrky/Ga4CiivI4zPZYz+PtG
riXI9+rRh87BTQRibQ5FARAAmCoVMh2PBQnGy1jw9JOYO3GWrGCJNpzRIA8/lPtC
Q83v7QMleg2nHAqfgvSPmlxzf8OgF/VqDbVGk6G7QIhToVJyW7UUUEMOxowovuNl
0TnbOUFedPMrJ88uViy7H5G/4jt6MIo0D9G54aA8qbdLlyL4FPuurUuuiUK+BVnl
JhgvcpFlOBJFV9X90nBpd/uplNh4ZhfXfTZODsgI9bwDzk5EyQfynJDr28A7fbbe
CCgOeOsKmmoM6hhwPyIdYMmuDiNJfJH4aZPSQWy8UaTw5/PEpHgvZQbwTyHiq8NQ
sj/5l7nKQp/HvpMHwyLlyrJho/jkkwaMJuDYN417u7lUIL67smYIZarGcAuORdo5
Hrg6XJ0WahLSx34p2ML1SiaTL7J8FB6tjEHHBwyOGC7dXt7iqXwE4tUqvJoKjVmo
2weAa2QHPguy9oHtJN62SGjbtuGd42YxlEUn7nIxVxhUHdW68hIpl97heKIMIrRW
j2g/2Ex3XzmtxLU3gGrhKnM3r0EyytxeDPq7eeyEHFsDwAlqbfUtnTg+7z4ygGXN
3rPCRRLKm9O96mtsNL9F0NTeVxXg0K9JtEfJKN9Glai1X40hJTjkg/7vYCteHuQC
ZI/+tehYf9/FPmD+4e5gTc8RAKjriVEM86P67xR9O94R5tUfV2Du8WmoPKVjzfSs
ZckAEQEAAcLBdgQYAQgAIBYhBCUNyI9n0FPaPrc+UbxEtaotNpFiBQJibQ5GAhsM
AAoJELxEtaotNpFiXjAQALxU+Q5KZ5hyBz5oeYF9vUhxx8Y3iQ0HtifXlH9+LC0J
Et35b8AOgQBqXpLwatwXvpbkOrlsw4XH8EIJ5Pj3zz8M429Lwkqn+UxoX8uqCm56
KLzvPZfGXrZOMmZnDA4DR8CHbGjhPhECL6Rc5oJRNxdkXVWHiz/3WQM3g9OAIsv1
fg+dRP7axFgf/pPAZaNlTzNPRHHyIPMBxXcP60BRTM2CNIUzVFMoH59s5wlpOeuA
1SMLWGdaUsGx5i4cjtnPWWFadaVeqd1hWAgQP4Yfjvjue8FVAeO+EArPJ69kdvec
h4lnoteFoLq4EsRELnxbltcvRiOAKoKsrbbm2rRlY/NUQk850zkQc8a/eXrTcPSx
onLXeWN5RpTPS4r3QjJujo63HsssFKpS31h8Xlni6w9C4rS6Ct8lMK6w50qZAmsE
JFNRrlQ0RzdEpdcXPz2PXwh4031ol5cWXJXmzZ/KaLib821hehCioy3pl1oh9AUj
6Ry7PyQ7tuMMLOvfJK5rWH/vWyCxW4OYqBJrpHwrDIyPa8dH7TW8DdqZy+qrO+u6
liGgWdoeRBQSXMRk8G54nOzK/xyH2VhuWNZc3W6fx8UQg3H0I1Ee7uUtlPaH8+Lv
Ex7QcN0xZ61kAerEVIykkg9a+ZfHevmBR+69Za7LgVqk7yTevkRA3zp5jhA8rHKf
=p9Uk
—–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

Complimenti! 🚀

Ti è arrivata un’email di conferma .
Vai subito a leggerla!
(controlla casella spam e promozioni se non la trovi)

Ricevi informazioni

Il corso che stai cercando attualmente non è disponibile.
Compila il form per ricevere informazioni in anteprima e scoprire le offerte a te riservate

Ricevi informazioni

Il corso che stai cercando attualmente non è disponibile.
Compila il form per ricevere informazioni in anteprima e scoprire le offerte a te riservate