Il Classico portafoglio 60/40, azionario/obbligazionario. Ecco come ricrearlo tramite ETF

portafoglio 60/40

In questo articolo andremo a vedere il classico portafoglio 60/40, ossia 60% azionario e 40% obbligazionario, e vedremo anche come replicarlo tramite 2 soli ETF.

N.B. Questo non è il mio portafoglio preferito, e personalmente non lo consiglio chissà quanto… Soprattutto ora dove molte obbligazioni (governative e non solo) rendono 0 e vi è anche il rischio di inflazione… causato dall’espansione monetaria incontrollata da parte di banche centrali tramite base monetaria e banche tramite moltiplicatore monetario (con riserva frazionaria a 0)…

In materia finanziaria questo portafoglio ha fatto molto parlare di se, sono in molti difatti a chiedersi se sia ancora valido nel contesto attuale…

Anche io ho questa visione… anche se al momento dal crollo del Corona-virus questo portafoglio ha retto egregiamente… la decorrelazione e la mitigazione della volatilità azionaria vi è ancora…

In passato come vedremo, i rendimenti sono stati molto interessanti si parla anche di un 10% annuo… i bond hanno dato una bella mano… bisogna chiedersi se ora a tassi 0 o negativi i bond supportino ancora la performance di questo portafoglio.

Ma va ammesso che è pur meglio un portafoglio del genere rispetto a:

N.B. Ormai promotori, reti e banche criminali non realizzano neanche più portafogli basiliari del genere (che sono in realtà portafogli da pivelli), non li realizzano neanche più tramite i loro prodotti “da gabinetto dell’autogrill” come fondi a gestione attiva che succhiano tutte le performance…

gestione attiva vs gestione passiva

Ormai i criminali (io li chiamo così), imbottiscono i portafogli di qualsiasi cosa, ecco ad esempio uno dei portafogli di uno dei miei clienti che è stato derubato per anni dalle banche a sua insaputa…

E’ imbottito di certificati, (i certificati non sono il male ma un uso eccessivo e senza senso si…), e di altri prodotti assicurativi con un asset allocation che non ha ne capo ne coda….

Questo per dire che… questo portafoglio classico (basiliare) 60/40, 60% azionario e 40% obbligazionario, è già meglio del 99% della “roba” che si vede in giro, e credimi… mi dispiace molto…

ASSET ALLOCATION

Vediamo come è composto questo portafoglio:

  • 60% in azionario globale, di ogni settore, ed ogni stile di investimento
  • 40% in obbligazionario globale, tutti i bond di ogni scadenza, sia governativi che corporate

Quindi è un portafoglio che copre tutto tranne gli investimenti alternativi… E’ un portafoglio che si basa solo negli unici due asset da cashflow, andando a privilegiare l’azionario rispetto all’obbligazionario.

La versione classica è quella americana e ad accumulo dei dividendi/cedole.

Io preferisco la versione internazionale ad accumulo.

Non è bilanciato in quanto a rischio, neanche un 50/50 lo sarebbe, l’azionario è troppo più volatile dell’obbligazionario.

Esistono diverse varianti di questo portafoglio, la variante USA, la variante dinamica e la variante a distribuzione di dividendi e cedole per chi avesse bisogno di entrate ricorrenti.

Chiaramente va ribilanciato, direi almeno 1 volta all’anno.

PERFORMANCE

Andiamo a vedere la performance di questo portafoglio classico 60/40 ad accumulo… Gran parte dei grafici sono presi da Lazyportfolioetf (ho avuto il piacere di conoscere il fondatore ed è pure italiano) e da portfoliocharts e si riferiscono alla versione americana di questo portafoglio non quella internazionale…

Questo portafoglio dal 1940 al 2019 ha prodotto un rendimento annuo del 9%, l’azionario ha prodotto un 11% e l’obbligazionario un 5.1%.

Questo portafoglio ha generato rendimenti positivi ad un anno l 82% delle volte, a 3 anni il 93% ed a 5 anni il 99.4% delle volte.

N.B. i ritorni non sono stati dati solo dal reparto azionario ma anche dall’obbligazionario…

La versione internazionale non si discosta di molto da questi grafici…

I rendimenti quindi… storicamente sono stati anche interessanti, la volatilità è alta però… Puoi trovare diverse misure di volatilità in realtà dipende quando si ribilancia…

DRAWDOWN

Vediamo come questo portafoglio ha retto a crolli di borsa nel passato…

nel 1974 ha realizzato un -24% circa, nel 2008 un -19% ed il peggior calo dal 1970 è stato del -34%…

Si tratta quindi di un portafoglio volatile… certo mitiga la volatilità di un portafoglio composto dal 100% in azionario dove magari il calo è stato anche del 50%… ma è pur sempre una bella volatilità non adatta a tutti.

Ecco come replicarlo

Per replicare questo portafoglio classico 60/40 bastano solo due ETF:

Sarebbe una buona idea replicare questo portafoglio alle valutazioni attuali tramite PAC... Questo infatti è l’andamento del portafoglio con un pac di 200 al mese con doppio ingresso mensile

Condividi:

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Altri articoli

Contattaci se hai bisogno di aiuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi informazioni

Il corso che stai cercando attualmente non è disponibile.
Compila il form per ricevere informazioni in anteprima e scoprire le offerte a te riservate

Ricevi informazioni

Il corso che stai cercando attualmente non è disponibile.
Compila il form per ricevere informazioni in anteprima e scoprire le offerte a te riservate